Kids fashion

Compiti a casa: si o no?

By  | 

Amiche e conoscenti mi avevano fatto venire un’ansia indescrivibile.

Per mesi mi avevano descritto l’inizio della scuola primaria come la fine della tranquillità pomeridiana, di ore ed ore di compiti, di urla, di compiti impossibili che richiedono assolutamente il supporto dei genitori, di bambini svelti che si paralizzano ecc.

Vedrai, sarà un incubo.

I pomeriggi si trasformeranno in un match tra te e Giulia, in una quotidiana lotta per fare questi benedetti compiti.

Mi sembrava assurdo ma altrettanto realistico in quanto queste paure e situazioni mi venivano raccontate da mamme presenti, in gamba, lavoratrici e non solo, ben organizzate.

Ero preoccupata.

E  mi chiedevo: ma se io ho sempre fatto i compiti da sola perché oggi deve essere diverso?

Compiti a casa: si o no?

Bel dilemma.

Io dico SI.

Premesso che i compiti a casa sono un argomento molto dibattuto in Italia, anche nei moduli a tempo pieno, e che ci sono dei veri e propri movimenti che promuovono l’abolizione dei compiti a casa, la mia personale posizione sta nel mezzo, nel buonsenso, nell’assegnazione di una quantità ragionevole di compiti che servano per assimilare e fissare le nozioni spiegate in classe.

Infatti, i compiti sono utili perché, se fatti con metodo, sviluppano la capacità dei bambini di essere autonomi, di organizzarsi, di realizzare obiettivi; aiutano il bambino ad imparare a reagire alle frustrazioni, motivano il bambino ad andare avanti e a non mollare fino al raggiungimento della meta. Tutto questo però non lo fanno i compiti in automatico ma dipende dall’approccio ai compiti, che deve essere effettuato sotto la supervisione di un genitore che stimola il figlio a fare da solo.

E allora

 

Compiti a casa: si o no?

 

Vi parlo della mia esperienza.

In realtà, mi ritengo fortunata.

Perché gli insegnanti di Giulia lavorano proprio in questa direzione: spiegazione e gran parte del lavoro in classe, esercitazioni e brevi esercizi di lettura, verifica, scrittura creativa, memoria a casa. E io non posso che esserne felice.

Non solo.

 

Sin dal primo giorno di scuola, noi genitori abbiamo stabilito con Giulia una semplice ma chiara routine, da cui non si può prescindere: Giulia torna da scuola, si pranza e si rilassa, massimo dopo un’ora si inizia con i compiti. Giulia svolge i compiti nella sua camera, da sola, consultando il diario e si rivolge a noi genitori solo se ha qualche dubbio e diamo un’occhiata alla fine. Merenda e gioco alla fine dei compiti, nessuna pausa o altre attività ricreative possono infatti interrompere i compiti. Al termine, Giulia consulta il diario e prepara la zaino per il giorno dopo. Non ha mai impiegato più di 2 ore.

 

 

Zero stress, zero urla o rimproveri, nessuna tensione.

 

Assecondiamo i ritmi di Giulia, alimentando la sua curiosità e sete di conoscenza.

E se sbaglia? Io non mi sostituisco mai a Giulia, ma la lascio sbagliare o seguire quello che ha compreso e ricorda di scuola, in modo che si assuma le prime responsabilità. Non faccio mai i compiti al posto di Giulia, pur di fare tutto in modo perfetto, perché farebbe passare al bambino il messaggio: “non sei capace, non sei autonomo”.

Vogliamo questo?

I compiti non sono una punizione, ma un momento di apprendimento.

Quindi

Compiti a casa: si o no?

E se si rifiuta di fare i compiti, si distrae di continuo (devo bere, devo andare in bagno, ho fame, voglio giocare, voglio guardare i cartoni ecc.)?

Dietro ad un rifiuto o a continue distrazioni c’è sempre un perché ed è compito di noi genitori comprenderne le cause e lavorarci, con pazienza.

Giulia è felice di andare a scuola, ci va con il sorriso e torna ancora più felice. Ma non solo. Nel pomeriggio, è felice di fare i compiti e svolge tutto con leggerezza ed allegria. Si, è vero, non tutti i bambini sono uguali ma spesso siamo proprio noi genitori a complicare tutto. O no?

GIULIA IN

TOTAL LOOK INDIAN BLUE JEANS

SNEAKERS MELANIA

compiti a casa si o no

compiti prima elementare

compiti a casa favorevoli o contrari

jeans bambina

 

 

sneakers melania

scarpe da bambina melania estive

 

2 Comments

  1. elena

    2 maggio 2019 at 10:21 am

    io penso che dipende dalle occasioni….forse anche dalle famiglie… se la pausa è lunga giusto che ci sono compiti da fare anche per tenere la mente allenata… ma se parliamo che con la vita frenetica di oggi bambini passano poco tempo con genitori e quel poco passano in mezzo ai libri mentre urli leggi o fai conteggio….bu…. personalmente per il ponte di 1 maggio non ho fatto fare nulla a bambini ma abbiamo passato tutto il giorno insieme in famiglia a conversare passeggiare magiare nel ristorante preferito e giocare ( e non intendo la wi o cellulare ) giocare fisicamente .perche oggi come oggi stanno perdendo il gusto di gioco “normale”. quindi a casa mia mi regolo da sola. avvolte saltiamo compiti per stare insieme.
    per quanto riguarda stare dietro con fiato sul collo…qua dipende dal bambino….con noemi ci sto di più…con ale meno nel senso vediamo esercizio se ce qualcosa da spiegare spiego e poi vado via dalla camerata e torno per controllare lavoro finito.
    ovviamente ogni tanto ce la detrazione ma penso che ci sta .perche in fondo sono sempre bambini che oggi sono molto più impegnati rispetto noi alla loro era. 🙂

    • Mari

      2 maggio 2019 at 10:25 am

      Grazie mille Elena! L’equilibrio è sempre la soluzione migliore e ogni genitore certamente guida i propri figli. <3

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.